Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116 il croquet

Il Re appoggiò la mano sul braccio della Regina, e disse timidamente, “Cara mia, riflettici bene su: la è una bambina!”

La Regina gli voltò le spalle con viso irato, e disse al Fante, “Rivoltateli!”

Il Fante ubbidì, e con un piede li rivoltò cautamente.

“Levatevi!” urlò la Regina, e i tre giardinieri si alzarono immediatamente, e s’inchinarono davanti al Re, alla Regina, ai figli reali, e a tutti gli altri.

“Basta!” sclamò la Regina. “Mi fate girare il capo.” E guardando al rosajo, continuò, “Che cosa avete fatto al rosajo?”

“Con la buona grazia della Maestà vostra,” rispose Due, con voce umile, e piegando il ginocchio a terra, “noi volevamo— ”

“Lo vedo!” disse la Regina, che avea già osservate le rose. “Tagliate loro il capo!” e la processione reale si mosse, lasciando indietro tre soldati per mozzare il capo agli sventurati giardinieri, che corsero ad Alice per esser da lei protetti.