Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/170

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
154 la contraddanza

scosta fra le mani, pensando se mai le cose tornassero una volta al loro corso naturale.

“Vorrei che me lo spiegaste,” domandò la Falsa-Testuggine.

“Non sa spiegarlo,” disse il Grifone: “Cominciate la seconda strofa.”

“A proposito di piedi,” continuò la Falsa–Testuggine. “Come poteva egli rivoltarli, e col naso per giunta?”

“È la prima posizione nel ballo,” disse Alice; ma era talmente imbarazzata con quell’argomento, che non vedeva il momento di mutar soggetto.

“Continuate la seconda strofa,” replicò il Grifone con impazienza; “comincia ‘Bianca la sera!’”

Alice non osava disubbidire, benchè fosse sicura che la reciterebbe tutt’al rovescio, e disse con voce tremante: —

Bianca la sera appare — nel lor giardini, in fretta,
Mangiavano un pasticcio — l’ostrica e la civetta —

“Perchè recitarci tutte coteste sciocchezze?”