Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/172

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
156 la contraddanza

Astro di sera! deliziosa Zuppa!
     In te il mio pan s’inzuppa!
     E di te canto — o Zup — pa! —
     Canto all’Astro di sera;
Canto la tua bontà, civile Zuppa!

“Astro di sera! E chi sarà lo sciocco
Che a te preferirà sia pesce o caccia,
S’ei di te può comprarne anche un baiocco
Per lavarsi lo stomaco e la faccia?
Astro di sera! deliziosa Zuppa!
     In te il mio pan s’inzuppa!
     E di te canto — o Zup — pa!
     Canto all’Astro di sera;
Canto la tua BonTA CI — VILE ZUPPA!

Bis il Coro!” gridò il Grifone, e la Falsa-Testuggine si preparava a ripeterlo, quando s’udì Una voce in distanza: “Comincia il processo!”

“Vieni, vieni!” gridò il Grifone, e prendendo Alice per mano, fuggì con lei, senza aspettar la fine del coro.

“Che processo?” domandò Alice, tutta affannata mentre fuggiva, ma il Grifone rispose