Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
2 giù nella


truffata in una partita di croquet che giuocava contro a sè medesima, chè questa straordinaria bimba trovava piacere a fingersi di essere due persone. “Ma ora è inutile voler credermi due persone,” pensò la povera Alice, “me ne resta appena tanto per comporne una!”.

Ed ecco, le cadde sott’occhio una cassettina di cristallo che giaceva sotto la tavola: l’aprì, e vi trovò dentro un piccolo pasticcino, sul quale, con uva di Corinto, era scritto in belli caratteri “MANGIA.” “Bene! lo mangerò,” disse Alice, “e se mi farà crescere di molto, giungerò ad afferrare la chiavettina, e se mi farà rimpicciolire mi striscerò sotto l’uscio: così in un modo o in un altro entrerò nel giardino, e poi, sarà quel che sarà!”

Ne mangiò un bocconcino, e mettendosi la mano sul capo, sclamò ansiosamente: “In qual modo? In qual modo?” per vedere in qual modo si mutava, ma restò molto sorpresa nel vedersi della stessa statura: certo, così accade a tutti coloro che mangiano pasticci, ma Alice s’era tanto