Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12 giù nella


candela smorzata, poichè non potea nemmeno ricordarsi se mai avesse veduta una cosa simile!

E scorsero alcuni momenti, e veggendo che nulla di nuovo le accadeva, si accinse ad entrare nel giardino; ma — povera Alice! — quando fu all’uscio, si accorse che avea dimenticata la chiavettina d’oro, e quando si rivolse verso la tavola dove l’avea lasciata, vide che non potea più arrivarla: essa la vedea chiaramente a traverso del cristallo, e fece ogni sforzo possibile per arrampicarsi ad uno de’ piedi della tavola e montar su, ma gli era troppo sdrucciolevole; e dopo essersi affaticata invano per vincere quella difficoltà, la poverina si sedette e pianse.

“Via! che vale abbandonarsi al pianto!” disse Alice a sè stessa; “io ti consiglio invece, o Signorina, di smetter subito quel piagnucolare!” Generalmente ella dava a sè stessa dei buoni consigli (benchè raramente poi li seguisse), e talvolta si rimproverava tanto severamente che le lagrime le scorrevano per le gote; e si rammentò che una volta stava lì lì per schiaffeggiarsi perchè s’era