Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

e racconto con la coda. 37


dando con meraviglia alla coda del Sorcio; “ma perchè la chiama trista?” E continuò a pensarvi sopra imbarazzata mentre il Sorcio parlava; e così l’idea che si fece di quella storia con la coda fu presso a poco questa:

Furietta disse
          al Sorcio,
               che in casa
                         avea
                    trovato:
                         Andiamo
                    al Tribunale,
                         ti voglio
                    processare.
               Non chiedo
          le tue scuse,
         o Sorcio
     indiavolato,
          Quest’oggi
               non ho nulla
                    a casa mia
                         da fare. —
                              Disse a
                         Furietta
                    il Sorcio:
               Ma come
          andremo
               in Corte?
                    Senza giurì
                         nè giudici?
                              Sarebbe
                         una vendetta!
                    Sarò giurì
               e giudice,
          rispose
               allor
                    Furietta,
                         E passerò
                              latrando,
                         La tua
                    sentenza
               amorte.