Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

del coniglio. 43


ciata via dalla casa prima di trovare il ventaglio e i guanti.

“Gli è proprio curioso,” pensò Alice, “d’esser mandata da un Coniglio a far servizi! Mi aspetto che Dina vorrà poi mandarmi a far servizi per lei!” E cominciò a fantasticare ciò che in tal caso avverrebbe: “‘Siora Alice! Venga quì subito, e si prepari a trottare!’ ‘Eccomi quì, tata! Ma dovrei far la guardia a questo buco sinchè Dina venga, acciocchè il sorcio non ne scappi.’ Però non crederei,” continuò Alice, “che permetterebbero a Dina di restare in casa se essa cominciasse a comandare la gente a questo modo!”

E così ciarlando entrò in una cameretta assai pulitina, con una tavola presso al terrazzino, e sopra di essa v'erano (come Alice avea di già sperato, un ventaglio e due o tre paja di guanti bianchi e nitidi; ella prese il ventaglio ed un pajo di guanti, e stava per uscire, quando le cadde sott’occhio un’ampolla che stava vicino allo specchio. Non avea nessun cartello attaccato, con la parola “BEVI,” eppure essa la sturò


E 2