Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

del coniglio. 47

E così passava il tempo, ora parlando, ora rispondendo a sè stessa, e facendo una vera conversazione fra Alice ed Alice; ma dopo qualche istante sentì una voce di fuori, e si mise ad ascoltare.

“Marianna! Marianna!” vociava quel tale di fuori; “portami subito i guanti!” E si sentì un calpestìo frettoloso per la scala. Alice pensò che fosse il Coniglio che veniva a sollecitarla a far presto, e tremò tanto da scuoter la casa dalle fondamenta, scordandosi ch’oramai era diventata mille volte più grande del Coniglio, e che non c’era motivo da spiritar di paura.

Il Coniglio giunse all’uscio, e cercò di aprirlo, ma gli era inutile spingere la porta, perchè il gomito d’Alice era puntellato contro. Alice udì che il Coniglio diceva fra sè, “Andrò dietro la casa ed entrerò per la finestra.”

“Non ci entrerai!” pensò Alice, ed attese sino a che le parve che il Coniglio fosse sotto la finestra; allora aprì d’un subito la mano come se volesse acchiappare qualche cosa nell’aria. Non afferrò