Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/72

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 la casettina


all’altro lato, vide che il cagnolino s’era avventato nuovamente al ramuscello, ed aveva fatto un capitombolo nella furia d’afferrarlo; ma siccome ad Alice sembrava che era come scherzare con un cavallo di vetturale, così per evitare d’esser calpestata dalle zampe della bestia, fuggì di nuovo dietro al cardo: allora il cagnolino cominciò una serie di cariche verso il ramuscello, correndo ogni volta al di là del segno, e correndo indietro più di quel che gli conveniva, e sempre abbaiando raucamente sino a che s’accoccolò a una breve distanza, anelante, con la lingua penzoloni, e con gli occhioni semichiusi.

Alice colse quell’occasione propizia per scappar via, e fuggì, e corse tanto da perderne affatto il fiato, e sino a che il latrare del cagnolino si perdè nella lontananza.

“Eppure che caro cucciolo era quello!” disse Alice, appoggiandosi a un ranuncolo e facendosi vento con una delle sue foglie: “Oh quanto avrei desiderato d’insegnargli dei giuocolini se — se fossi stata d’una statura adeguata! Oimè! avevo