Pagina:Le biblioteche popolari in Italia dall'anno 1861 al 1869.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 126 —

Castana. — Ha 90 volumi affidati al consigliere comunale Alberici con 10 lettori.

Mornico Losana. — Ha 60 volumi affidati al maestro comunale.

Casalnocetto. — Ha 90 volumi affidati al segretario comunale Castellani con 2 lettori.

Portalbore. — Ha 89 vol. che produssero 44 letture mercè le cure del maestro Riccadonna.

Montemurlo. — Ha 80 volumi affidati al maestro comunale.

Gubbio. — Ha 100 volumi affidati al professore d’agraria che ebbero 6 richieste, e furono poi aggregati al gabinetto circolante della Società agraria Eugubina diretta dal sig. E. Pierotti.

Carcarelli. — Ha 120 volumi che produssero 18 letture ; sono custoditi dal prof. E. Carapezza nella sala della scuola agraria.

Sostino. — Ha 100 volumi affidati al signor Baroncelli con 9 lettori.

Belgiojoso. — Ha 100 volumi con 10 lettori presso la scuola serale affidati al maestro Basson.

Bobbio. — Ha 100 volumi con 10 lettori: son custoditi dal segretario della Società operaia avv. Tamburelli.

Borgonovo. — Ha 100 volumi che si danno a lettura fissa nella sala della Società operaia dal segretario Carrara.

Palermo. — Ha 100 volumi presso la Società d’acclimazione e agricoltura; ma la Biblioteca è ancora in via d’ordinamento nell’ex-monastero di Valverde.

Pavia. — Ha 402 volumi nella sala della Società operaia con 189 lettori: la distribuzione è affidata ai signori Ricci, Manara e Fava.