Pagina:Le ferrovie economiche d'Europa.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22


mentre è un vero trionfo dell'arte il modo in cui si superarono le molte difficoltà tecniche inerenti ad un esercizio a vapore così nuovo come sorprendente.

Anche in Belgio si ha una linea a scartamento ridotto, di un metro e dieci centimentri fra le ruotaje, che dà buoni frutti. Costrutta da più di 20 anni, scorre da Anversa a Gand per un paese piatto e poco intersecato da corsi d'acqua, e costò non più di L. 103,390 al chilom. Godendo di un provento di quasi L. 18,000 annue, colle spese al 50 per % o poco più, i proprietari ricavarono finora l'8 per % del loro capitale. È difficile dire se un cosìm felice risultato sarebbesi ottenuto anche con uno scartamento ordinario: in questo caso, è certo che la linea avrebbe costato alcun che di più, almeno in ragione della sua maggior larghezza; mettiamo pure un aumento solo del decimo, e la spesa salirebbe a L. 113,800; ma d'altra parte, con una linea più larga e materiale mobile in proporzione, l'incasso attuale sim potrebbe certamente raggiungere anche con 5 o 6 convogli al giorno, mentre ora se ne fanno da 8 a 9; quindi la spesa di esercizio sarebbe probabilmente stata minore, e nel complesso il risultato non sarebbe forse stato meno favorevole per glil azionisti. Ma vi è un'avvertenza speciale da farsi, cioè che col sistema adottato può farsi colla stessa spesa un maggio numero di treni di quanti se ne farebbero con uno scartamento più grande, quantunque necessariamente i treni siano più piccoli; e ciò è di grande importanza in questa ferrovia, perché la lilena governativa da Anversa a Gand per Malines, quantunque più lunga, le fa seria concorrenza, dopo lò'ultimo abbassamento di tariffe, e quindi la frequenza dei treni della linea in discorso serve in parte a bilanciare od almeno a diminuire i cattivi effetti di simile concorrenza. (all. E, cap. 1.).

Adunque allo stato attuale e speciale delle cose, questa linea sta forse meglio com'è: ma in astratto, e parlando generalmente, una linea di così facile costruzione non può presentare, pella riduzione di soli 0m,34 nella larghezza del binario un vantaggio che ne compensi gl'inconvenienti, fra i quali è certamente grave quello del travaso, per un paese immensamente industriale ed