Pagina:Le ferrovie economiche d'Europa.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
16


una proporzione diversa, secondo che il treno è più o meno utilizzato.

Continuando le ricerche sull’esito finale delle linee in discorso supposte fatte in Italia, colle accidentalità di terreno, col movimento e coll’introito, che hanno effettivamente nel loro paese, ho potuto, colla scorta dei precedenti dati, formare il quadro VI che risponde in modo finale al proposto quesito. Esso ci conferma che, fra le linee descritte, supposte trasferite presso di noi, ossia qui costrutte, ed esercitate secondo i migliori sistemi economici, darebbero l’interesse del 6 per % sul denaro speso solo quelle di cui l’introito supera le L. 10,000 al chil.; insomma la base di ogni ferrovia è l’introito, in ragione del quale cresce la prosperità delle linee, come graficamente lo dimostra la sorprendente progressività dell’elenco, che segue il predetto quadro, quantunque composto di linee disparatissime di sistema e di scartamento; e la sola eccezione che presentano le linee Belgiche, le quali non tengono il loro posto in questo elenco, è dovuta a che le loro condizioni di traffico sono troppo diverse da quelle delle altre linee, per potersi assoggettare alle stesse regole di proporzione, che per la composizione di questo quadro parvero abbastanza razionali pelle altre linee.

Ho cercato in seguito nel quadro VII quale dovrebbe essere l’introito di queste linee, onde corrispondano un interesse del 6 per %, quando si vogliano fare due, quattro o sei grossi treni al giorno, e nelle due ipotesi che metà o due terzi delle spese crescano come il numero dei treni.

Anche questo quadro non contiene cifra inferiore alle L. 10,000, e conferma, anzi generalizza il precedente mio assunto, poichè dimostra che anche le linee, le quali sono in cattive condizioni con un introito inferiore al predetto, non potrebbero mai mettersi in buono stato, e sopportare le spese di almeno due treni grossi al giorno, finché il provento non ecceda le L. 10,000.

Ma restava da prevedere un caso estremo affatto, quello di una linea per cui bastasse il servizio di due treni al giorno e questi treni limitati al peso lordo di G5 tonnellate; l’elenco che sussegue al quadro VII ci dà gl’introiti che dovrebbero avere tutte le