Pagina:Le mie prigioni.djvu/165

Da Wikisource.

( 153 )

gnerlo. Allora io balzava in piedi, guardava intorno, passeggiava con diffidenza, e chiedeva a me stesso, s’io fossi impazzato od in senno. Non sapea più che cosa, di ciò ch’io vedeva e sentiva, fosse realtà od illusione, e sclamava con angoscia:

«Deus meus, Deus meus, ut quid dereliquisti me?»