Pagina:Le mille ed una notti, 1852, III-IV.djvu/257

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

235


dosi abbastanza forte per uscire, vi si dispose. Ma il giorno che aveva stabilito per andar ad ossequiare il califfo, mentre vi si preparava con Forza de’ Cuori e la madre, videsi giungere a casa del sindaco il gran visir Giafar.

«Quel ministro era a cavallo con numeroso corteggio di ufficiali, ed entrando: — Signore,» disse a Ganem, «vengo qui da parte del Commendatore dei credenti, mio padrone e vostro. L’ordine onde sono latore è ben diverso da quello del quale non vi voglio rinnovar la memoria: devo accompagnarvi e presentarvi al califfo, che brama vedervi.» Ganem non rispose al gran visir se non con un profondissimo inchino, e salì sur un cavallo delle scuderie del califfo, che gli fu presentato, e cui egli maneggiò con molta grazia. Si fecero montare la madre e la figliuola su due mule del palazzo, e mentre Tormenta, montata anch’essa sopra una mula, le conduceva dal principe per viottoli remoti, Giafar guidò Ganem per un’altra strada, e l’introdusse nella sala d’udienza. Il califfo già vi stava, seduto sul suo trono, circondato dagli emiri, da’visiri, da’ capi degli uscieri e da altri cortigiani arabi, persiani, egizi, africani e sirii del suo dominio, senza parlare de’ forestieri.

«Quando il gran visir ebbe condotto Ganem appiè del trono, il giovine mercante fece la sua riverenza, gettandosi col volto a terra; indi, rialzatosi, recitò un bellissimo complimento in versi, col quale, benchè composto d’improvviso, non mancò di guadagnarsi l’approvazione di tutta la corte. Dopo il complimento, il califfo lo fece avvicinare, e gli disse: — Sono soddisfattissimo di vederti, e sentire dalla tua propria bocca dov’hai trovato la mia favorita, e tutto ciò che facesti per lei.» Obbedì Ganem, e parve tanto sincero, che il califfo rimase convinto della verità del suo racconto. Gli fece dare una veste