Pagina:Le mille ed una notti, 1852, III-IV.djvu/428

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

14


de’ credenti colla insigne menzogna che ha loro riferita! Bisogna, figliuola mia,» disse poi, volgendosi alla mesta, «che vi narri la cattiveria e l’impostura di quell’iniquo schiavo, il quale ha sostenuto alla nostra buona padrona, con inconcepibile sfrontatezza, che voi eravate morta, e che Abu Hassan viveva!

«— Aimè! mia buona madre,» sclamò allora la giovane, «volesse Iddio ch’ei dicesse il vero! Non sarei nell’afflizione in cui mi vedete, e non piangerei uno sposo tanto a me caro.» Terminando queste parole, si scioglieva in lagrime, e mostrava maggior desolazione raddoppiando i pianti e le grida.

«Intenerita la nutrice dalle lagrime di Nuzhatul-Auadat, le sedè vicino, e mescolandovi le proprie, si avvicinò insensibilmente alla testa del morto, ne sollevò alquanto il turbante, e gli scoprì il volto per vedere di riconoscerlo. — Ah, povero Abu Hassan!» disse subito, ricoprendolo; «prego Iddio che v’abbia nella sua misericordia! Addio, figliuola,» soggiunse all’afflitta vedova; «se potessi tenervi compagnia più a lungo, lo farei con tutto il cuore; ma non posso fermarmi più oltre: il dovere mi costringe ad andar sollecitamente a liberare la nostra buona padrona dalla dolorosa inquietudine, in cui la immerse quel negro malnato coll’impudente sua menzogna, assicurando, anche con giuramento, che eravate morta. —

«Appena la nutrice di Zobeide ebbe chiusa, uscendo, la porta, Nuzhatul-Auadat, la quale ben giudicava che più non tornerebbe, tanta erane la fretta di recarsi dalla principessa, asciugò le lagrime, e sbarazzato al più presto il marito di quanto aveva intorno, andarono ambedue a riprendere il loro posto sul sofà presso alla gelosia, attendendo tranquilli il fine di quella burla, e sempre pronti a trarsi d’impaccio, da qualunque lato si volessero prendere.