Pagina:Le mille ed una notti, 1852, III-IV.djvu/727

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

309


ancora ritirati in casa, giuocavano al chiaror della luna.

«Curioso il califfo di sapere qual giuoco quei ragazzi facessero, sedè sur una panca di pietra che trovavasi a proposito accanto alla porta, e continuando a guardare per la fessura, sentì che uno de’ fanciulli, il più vivace e svegliato di tutti, diceva agli altri: — Giuochiamo al cadì. Io sono il cadì: conducetemi dinanzi Alì Kodjah ed il mercante che gli ha rubato mille pezze d’oro. —

«A tali parole del ragazzo, ricordossi il califfo dell’istanza statagli in quel medesimo giorno presentata, e raddoppiò d’attenzione per vedere l’esito del giudizio.

«Siccome l’affare di Alì Kodjah e del mercante era nuovo, e faceva gran rumore in Bagdad, sino tra fanciulli, gli altri ragazzi accettarono con gioia la proposizione, e convennero del personaggio che ciascuno dovea rappresentare. Niuno negò a quello che erasi offerto di fare il cadì, di rappresentarne la parte; e quando egli fu seduto con sembianza e gravità di magistrato, un altro, come ufficiale competente del tribunale, gliene presentò due, uno de’ quali chiamò Alì Kodjah, e l’altro il mercante contro cui quello portava lagnanza.

«Allora il finto cadì prese la parola, ed interrogando gravemente il finto derubato: — Alì Kodjah,» disse, «cosa domandate a quel mercante? —

«Il finto Alì Kodjah, dopo una profonda riverenza, informò il preteso cadì punto per punto del fatto, e terminando, conchiuse col supplicarlo d’interporre l’autorità del suo giudizio, onde impedire ch’ei non facesse perdita tanto ragguardevole.

«Il finto cadì, dopo averlo ascoltato, si volse al finto mercante, e gli chiese perchè non restituisse ad Alì Kodjah la somma che gli domandava.