Pagina:Le mille ed una notti, 1852, III-IV.djvu/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

65


loro faceva, ed essa ne cantò una che lo rapì in estasi.

«Quando la Bella Persiana ebbe finito di cantare, Noreddin empì una tazza di vino, e la presentò al vecchio. — Sceich Ibrahim,» gli disse, «bevete un sorso alla nostra salute, ve ne prego. — Signore,» rispose egli arretrando, come se la vista del vino avessegli fatto orrore, «vi supplico di scusarmi: ebbi già l’onore di dirvi che ho da gran tempo rinunciato al vino. — Poichè assolutamente non volete bere alla nostra salute,» disse Noreddin, «non vi dispiaccia almeno ch’io beva alla vostra. —

«Mentre il giovine beveva, la Bella Persiana tagliò la metà d’un pomo, e presentatala a Sceich Ibrahim: — Non avete voluto bere,» disse, «ma non credo abbiate la medesima difficoltà a gustare di questo pomo, ch’è proprio eccellente.» Non seppe il custode ricusarlo da una sì bella mano, e presolo con un inchino di testa, se lo mise in bocca. Gli disse essa intanto alcune dolci parolette, e Noreddin, abbandonatosi sul sofà, finse di dormire. Tosto la Bella Persiana si avanzò verso Sceich Ibrahim, e parlandogli sotto voce: — Lo vedete?» gli disse; «non fa altrimenti ogni qualvolta banchettiamo insieme; non ha appena bevuto un paio di bicchieri, che s’addormenta e mi lascia sola; ma spero bene che vorrete tenermi compagnia finchè egli dorme. —

«Prese la Bella Persiana una tazza, la empì di vino, e presentandola al custode: — Prendete,» gli disse, «e bevete alla mia salute; io ve ne renderò il contraccambio.» Fece Sceich Ibrahim grandi difficoltà, e la pregò caldamente di dispensarnelo; ma essa seppe incalzarlo tanto, che vinto dai suoi vezzi e dalle sue istanze, prese la tazza e la tracannò fino all’ultima stilla.

«Il buon vecchio amava di bere il suo sorsellino,