Pagina:Le odi di Anacreonte e di Saffo.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

159

MORTE DI PIRAMO E TISBE.


Da Bione.


Io dir vorria di Piramo
     Il duro caso atroce,
     Ma già le corde attonite
     Niegan l’arguta voce
     5E l’armonia fedel.
Chi pinger può quel dubbio,
     Quando la belva ahi! vede;
     Chi può ridir quel brivido,
     Quando si mira al piede
     10Della sua Tisbe il vel?
Chi imiterà quel palpito
     Di sdegno e di pietate,
     Quando di Tisbe inchinasi
     Sulle memorie amate..
     15Che far dovea?... morir.
Chi seguirà l’anelito
     Di lei che giunge... e mira...
     Non cade no... precipita
     Su quell’acciar... già spira...
     20Che far potea?... morir.