Pagina:Le odi di Anacreonte e di Saffo.djvu/52

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
40 le odi


SOPRA SE STESSO.


ODE XXV.


Quando lieto il vin tracanno
     Ogni affanno ― dorme allor;
E sen fugge ogni pensiero
     4Tristo e nero ― dal mio cor.

Ancorch’io mi viva in pene,
     Mi conviene ― alfin morir.
Che mi giova nell’errore
     8Viver l’ore ― in avvenir?

Ah non più, ch’io mi ricreo
     Di Lieo ― col buon liquor:
Quando lieto il vin tracanno,
     12Ogni affanno ― dorme allor.