Pagina:Le opere di Galileo Galilei I.djvu/218

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search









Sì come è assai noto a chi di leggere gli antichi scrittori cura si prende1, avere Archimede trovato2 il furto dell’orefice nella corona d’oro di Ierone, così parmi esser stato sin ora ignoto3 il modo che sì grand’uomo usar dovesse in tale ritrovamento4: atteso che il credere che procedesse, come da alcuni è scritto5, co’l mettere tal corona dentro a l’aqqua6, avendovi prima posto altrettanto di oro purissimo e di argento separati7, e che8 dalle differenze del far più o meno ricrescere9 o traboccare10 l’aqqua venisse in cognizione della mistione dell’oro con l’argento, di che tal corona era composta, par cosa, per così dirla11, molto grossa e lontana dall’esquisitezza; e vie più parrà a quelli che le sottilissime invenzioni12 di sì divino uomo tra le memorie di lui aranno13 lette ed intese, dalle quali pur troppo chiaramente si comprende14, quando tutti gli altri ingegni a quello di Archimede siano inferiori15, e quanta poca speranza possa restare a


A e B sono anepigrafi. — C porta il titolo: Fabbrica et uso di un’esatta bilancia da saggiatore per ritrovare la proporzione de’ pesi di due metalli, con molt’altre curiosità, inventata nel 1586 dal Sig. Galileo Galilei ne’ suoi primi studi intorno all’Opere di Archimede. — D ed E hanno il titolo: Uso e fabbrica della bilancia (bilancetta, E) del Sig. Galileo Galilei. — F ha il titolo: Discorso del S. Galileo Galilei intorno all’arteficio che usò Archimede nel scoprir il furto dell’Oro nella corona di Hierone con la fabrica d’un nuovo strumento detto dall’autore bilancetta. ― L’edizione bolognese: La Bilancetta del signore Galileo Galilei nella quale, ad imitazione d’Archimede nel Problema della Corona, s’insegna a trovare la proportione del misto di due Metalli insieme e la fabrica dell’istesso strumento.

  1. 1. a chi leggere, C — a chi si diletta di .... cura si prende, E — gli antichi storiografi, G
  2. 2. ritrovato, A, B, D, E, F — ritrovato corretto in trovato, C
  3. 3. parmi sin ora ignoto, A — parmi sin ora esser stato ignoto, C, D
  4. 4. tale inventione, G
  5. 5. come da alcuni è scritto, manca in Y — dal metter, C — la corona, F
  6. 6. dentro l’acqua, Y — havendone, F
  7. 6-7. altrettanto oro .... et argento separato, C — d’oro .... et argento separato, D
  8. 7. separato, F — a che, E
  9. 7-8. crescere, A, B, D, E, F — crescere corretto in ricrescere, C
  10. 8. e traboccare, F
  11. 10. per dirla così, B — per così dire, C — et in tutto lontana, G
  12. 11. che con sottilissime, B, E — che con sottilissima inventione, F — d’huomo così divino, C
  13. 12. le sue memorie haranno, G — haveranno, Y — intese cose dalle, F
  14. 13. si vede e si comprende, F
  15. 14. sono inferiori, F — et quanta .... restare a, manca in Y
i. 26