Pagina:Le opere di Galileo Galilei II.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
128 trattato

contro, sono sottoposti alle mine, e l’artiglieria nemica vi ha gran forza, battendo di sotto in su; patiscono d’acqua, nè possono valersi di cavalleria che tenessero dentro.

Dentro a i laghi ed al mare si sarà sicuro da’ rubbamenti, dalle mine, e con difficultà si potranno far batterie. In questi luoghi manco guardie bastano, e manco difensori ancora. Ma quelle fortezze che saranno poste in acqua dolce, saranno pericolose ne’ tempi de’ ghiacci; oltre che, per lo più, in simil luoghi vi è cattiva aria. Sopra i fiumi o in mezzo ad essi s’è sicuro dalle mine, nè si patisce d’acque; ma bisogna avvertire che il fiume non possa essere deviato fuori del suo letto, onde per esso si possa entrare nella fortezza: s’è, in oltre, molte volte sottoposto alle inondazioni e naturali ed artificiali, quando, col turare il nimico l’uscita del fiume, allaga e sommerge la fortezza.

Imperò, tenendo fermi questi avvertimenti, sendo noi sforzati ad accommodarci ad uno di questi siti, doviamo cercare, s’egli è possibile, rimediare a quelle lesioni che gli possono essere fatte. Come, per essempio, ne’ siti de’ monti si provederà alle mine con l’ordinare le contramine; e per non avere a patire d’acque, si faranno conserve grandissime. E simili avvertimenti si avranno intorno alli altri particolari.

Ma, in generale, ci saranno ancora molte considerazioni, le quali sono utili a tutti i siti. Come, per essempio, sarà di necessità considerare il luogo da fortificarsi intorno intorno per lo spazio di mille passi, e vedere quali cose vi siano che possino nuocere alla fortezza e giovare al nimico, e levarle via; osservando per regola ferma ed infallibile, che tutti i siti che hanno a torno altri luoghi eminenti, onde possono essere scoperti e signoreggiati, si devono lasciar stare, perchè non sono capaci da esser fortificati. Lo spazio di mille passi vuol esser tutto netto e scoperto di maniera, che non possa nè anche un uccello accostarsi alla fortezza senza esser scoperto: però le case, gli arbori e simili impedimenti si torranno tutti via, spianando tutto all’intorno. Ma da’ luoghi rilevati o bassi per natura non sarà così facile l’assicurarsi: e da’ luoghi rilevati si può essere battuto, scortinato ed offeso dentro; e da i luoghi bassi si possono far mine e cavamenti. Quanto a i luoghi rilevati, si rimedierà con far dentro de’ cavallieri,

1. ci ha, B; vi harà, C — 3. che avessero dentro, B — 4, 9. sicuri, C — 5. si faranno batterie, C — 9. d’essi, B, C, n — d’acqua, B, C — 12. sottoposti, b, l’— 15. se gli è, B; se sarà, C — 16. di rimediare, C, a — 17. di monti, B; di monte, C — 18. d’acqua, C — 26. lasciare andare perchè, C — 21. di (d’, B) esser, B, C 30, si tireranno via, B —