Pagina:Le opere di Galileo Galilei II.djvu/244

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ovvero cosmografia. 241

con ordine prepostero, ciò è che prima nasce il Toro, poi l’Ariete, poi i Pesci, e doppo l’Acquario; nulla di meno, nel tramontare seguono l’ordine diretto, tramontando prima l’Acquario, di poi i Pesci, e l’Ariete, ed il Toro. Il contrario avviene de i segni intorno all’altro equinozio, i quali, nascendo ordinatamente, ciò è prima il Leone, poi la Vergine, la Libra, e ’l Scorpione, nel tramontare si ascondono con ordine converso, tramontando prima il Scorpione, poi la Libra, doppo la Vergine, ed ultimamente il Leone.

Quelli, finalmente, il zenit de’ quali è il medesimo ch’il polo del mondo, hanno l’equinoziale per orizonte: dal che ne séguita, che li sei segni del zodiaco settentrionali siano sempre sopra l’orizonte, e gli altri sei già mai non appariscono; e che, per conseguenza, abbino sei mesi continui di giorno, ed altri sei di notte. A questi niuna stella già mai nasce o tramonta; ma quelle che sono tra l’equinoziale ed il polo artico, perpetuamente gli appariscono, e se li vanno intorno intorno aggirando, e l’altre se gli occultano sempre: la lor ombra parimente se li va volgendo intorno in giro; dal che sono adimandati amphiscii, cioè circumumbratili.


delle latitudini e longitudini.


Prima dichiareremo quello ch’importino le latitudini e le longitudini, e di poi mostreremo il modo di prender l’una e l’altra.

Devesi dunque sapere, che latitudine d’un luogo si domanda quell’arco del meridiano, ch’è contenuto tra il zenit del detto luogo e l’equinoziale; di maniera ch’esso equinoziale è come termine e principio delle latitudini, le quali si misurano verso il polo. Dimandasi poi longitudine d’un luogo a un altro l’arco dell’equinoziale intercetto tra li due meridiani de i luoghi. E qui è da notare, come delle longitudini non abbiamo termine necessario e naturale, come si ha delle latitudini, delle quali, come si è detto, il principio è l’equinoziale; e però è stato di mestiero, nelle longitudini, arbitrariamente constituire un principio e termine, al quale esse si referiscono: il qual termine, di commune consenso de i principali geografi, è stato ricevuto che sia il meridiano che passa sopra l’Isole Canarie, dette altrimenti Fortunate, per esser questo sopra l’estreme parti occiden-

2, 3. Aquario, a, m, r — 5. ordinariamente, c, a, m — 28. dalla longitudine, c, a, m —