Pagina:Le opere di Galileo Galilei VII.djvu/187

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


E perché io ho creduto l’istesso, quindi è che mi è nata occasione di metter dubbio tra ’l detto d’Aristotile e l’esperienza. Perché, quanto all’esperienza, s’io metterò sopra quella tavola due freccie in tempo che spiri vento gagliardo, una posata per il filo del vento e l’altra intraversata il vento porterà via speditamente questa e lascierà star l’altra: ed il medesimo par che dovesse accadere, quando la dottrina d’Aristotile fusse vera, delle due tirate con l’arco; imperocché la traversa vien cacciata da una gran quantità dell’aria mossa dalla corda, cioè da tanta quanta è la sua lunghezza, dove che l’altra freccia non riceve impulso da piú aria che si sia il piccolissimo cerchietto della sua grossezza: ed io non so immaginarmi la cagione di tal diversità, e desidererei di saperla.


Simplicio

La causa mi par assai manifesta, ed è perché la freccia tirata per punta ha a penetrar poca quantità d’aria, e l’altra ne ha da fender tanta quanta è tutta la sua lunghezza.


Sagredo

Adunque le freccie tirate hanno a penetrar l’aria? Oh se l’aria va con loro, anzi è quella che le conduce, che penetrazione vi può essere? non vedete voi che a questo modo bisognerebbe che la freccia si movesse con maggior velocità che l’aria? e questa maggior velocità, chi la conferisce alla freccia? vorrete voi dir che l’aria le dia velocità maggiore della sua propria? Intendete dunque, signor Simplicio, che ’l negozio procede per l’appunto a rovescio di quel che dice Aristotile, e che tanto è falso che ’l mezo conferisca il moto al proietto, quanto è vero che egli solo è che gli arreca impedimento: e inteso questo, intenderete senza trovar difficultà che quando l’aria si muove veramente, molto meglio porta seco la freccia per traverso che per lo dritto, perché molta è l’aria che la spigne in quella postura, e pochissima in questa; ma tirate con l’arco, perché l’aria sta ferma, la freccia traversa, percotendo in molt’aria, molto viene impedita, e l’altra per punta facilissimamente supera l’ostacolo della minima quantità d’aria che se le oppone.


Salviati

Quante proposizioni ho io notate in Aristotile (intendendo sempre nella filosofia naturale), che sono non pur false, ma false in maniera, che la sua diametralmente contraria è vera, come accade di questa! Ma seguitando il nostro proposito, credo che il signor Simplicio resti persuaso che dal veder cader la pietra nel medesimo luogo sempre, non si possa conietturare circa il moto o la stabilità della