Pagina:Le pitture notabili di Bergamo.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

109

ra, che merita di esser veduta.

Ora che abbiamo osservate le più scelte Pitture del Borgo San Leonardo, osserviamo quelle degli altri Borghi: e però dal Portello, per cui siamo usciti, rientrando nel Prato di S. Alessandro, or detto, della Fiera, indi voltando a destra, cominceremo a vedere i Dipinti che sono nella vaga e magnifica Chiesa di

S. BARTOLOMMEO.


LVI.


SItuata di contro all’angolo orientale della Fiera suddetta, e fondata insieme coll’annesso Convento da Cremosano Crema nobile Cittadino di Bergamo a favore degli Umiliati l’anno 1210. e dopo la loro soppressione, ufiziata da i Dominicani, e da’ medesimi riedificata e perfezionata negli anni 1603. e 1642. con disegno di Antonio Maria Caneva, e a dì nostri ancora di sontuosi Altari e Pitture arricchita. La Facciata non è stata fatta che per la metà; e l’architettura n’è buona. Allato alla medesima sono osservabili due Medaglie incastrate nel muro del Convento, scolpite in marmo di Massa coll’effigie a mezzorilievo di San Domenico, e di San Pier Martire, di scarpello molto ben antico. Entrati in Chiesa, diletta sommamente al primo Altare il maestoso, ben disegnato, e vagamente colorito San Raimondo, che inginocchiato sul proprio mantello solca per se medesimo il mare, lasciando confusi e sbalorditi sui lido alcuni Otto-