Pagina:Le pitture notabili di Bergamo.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

115

svelto: lungo braccia 150. e largo 9. ebbe cominciamento nel 1654. e perfezione nel 1673. Sotto il Cornicione di questo maestoso Edifizio sono quinci e quindi disposti i quindici Misterj del SS. Rosario, degnamente espressi su d’altrettante tele in figure quasi grandiFonte/commento: Pagina:Le pitture notabili di Bergamo.djvu/172 al naturale da Monsù Bernardo, detto il Borgognone, abitante in Milano, li 5. Novembre 1672. per ordine del P. Maestro Diacinto Caleppio; di cui ne ornò la Chiesa, e da dove sono stati qui trasportati, per dipignerla a fresco. Dal medesimo abile pennello escì pure il Quadro di pari grandezza, che si trova nel Refettorio, e che rappresenta la Beatissima Vergine, e S. Domenico. Uscendo di Chiesa per la Porta di fianco meridionale e proseguendo a sinistra per la strada maestra, si trova la Chiesa di

S. CARLO.


LVII.


S

Pettante al Pio Luogo del Soccorso, istituito nel 1612. da D. Regolo Bellotti Sacerdote per raccogliervi le Fanciulle Vergini pericolanti. La Chiesa fu eretta nel 1617. e Giovanni Emo Vescovo benedì la prima pietra. Nella Tavola dell’Altar principale decorosamente, e con somma eleganza dipinse il Cavagna la B. V. in alto coronata dall’Eterno Padre e dal Figliuolo, e alquanto più sotto il Santo Titolare sulle nubi in piede accanto a una bellissima Maria Maddalena, e dall’altra parte i SS. Francesco, e Caterina da Siena, osservandosi nel