Pagina:Le pitture notabili di Bergamo.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

115

svelto: lungo braccia 150. e largo 9. ebbe cominciamento nel 1654. e perfezione nel 1673. Sotto il Cornicione di questo maestoso Edifizio sono quinci e quindi disposti i quindici Misterj del SS. Rosario, degnamente espressi su d’altrettante tele in figure quasi grandiFonte/commento: Pagina:Le pitture notabili di Bergamo.djvu/172 al naturale da Monsù Bernardo, detto il Borgognone, abitante in Milano, li 5. Novembre 1672. per ordine del P. Maestro Diacinto Caleppio; di cui ne ornò la Chiesa, e da dove sono stati qui trasportati, per dipignerla a fresco. Dal medesimo abile pennello escì pure il Quadro di pari grandezza, che si trova nel Refettorio, e che rappresenta la Beatissima Vergine, e S. Domenico. Uscendo di Chiesa per la Porta di fianco meridionale e proseguendo a sinistra per la strada maestra, si trova la Chiesa di

S. CARLO.


LVII.


SPettante al Pio Luogo del Soccorso, istituito nel 1612. da D. Regolo Bellotti Sacerdote per raccogliervi le Fanciulle Vergini pericolanti. La Chiesa fu eretta nel 1617. e Giovanni Emo Vescovo benedì la prima pietra. Nella Tavola dell’Altar principale decorosamente, e con somma eleganza dipinse il Cavagna la B. V. in alto coronata dall’Eterno Padre e dal Figliuolo, e alquanto più sotto il Santo Titolare sulle nubi in piede accanto a una bellissima Maria Maddalena, e dall’altra parte i SS. Francesco, e Caterina da Siena, osservandosi nel