Pagina:Le pitture notabili di Bergamo.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
138

Cavagna, in cui decorosamente ed al vivo si vede rappresentata Bersabea nel Bagno, che si rivolge sorpresa alla comparsa di Davide, mentre altri nacostosi dietro al truncoFonte/commento: Pagina:Le pitture notabili di Bergamo.djvu/172 di un Albero sta osservando il fatto. Se costui è Urìa, marito di Bersabea, come sembra che sia, il Cavagna si è presa la libertà che Orazio concede ai Pittori; ma che prendere non si dovea; sapendosi dal Sacro Testo, che Urìa in quell’incontro non si trovava in Città, ma all’assedio di Rabba, sotto il comando di Gioabba; e che Davide non si accostò a Bersabea nel bagno, ma se ne invaghì mirandola dall’alto della Reggia, e sì mandò per essa. Di quì seguitando avanti, si osservi la Facciatina dell’ultima Abitazione a sinistra, dipinta a buon fresco colle due Deità Pagane, colorite a giallo scuro da pennello maestro; e col Quadrettino di grandezza poco più che palmare, in cui è dipinta la Vergine col divino Infante, allato ai SS. Giovannino, e Caterina della Ruota. Uscendo della Porta del Borgo, si trova a sinistra in poca distanza la Chiesa Prepositurale di

SANTA CATERINA.


LXXXII.


POsta nel Borgo già detto Plozzano, o Plorzano, e presentemente chiamato col nome della predetta Santa Vergine e Martire. In questo secolo è stata riedificata da’ fondamenti con vago e maestoso disegno di Gio. Batista Caniana Scultore e