Pagina:Le pitture notabili di Bergamo.djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
92

usciti della Porta di Broseta, continuando il viaggio lungo le rive del Serio, si trova in distanza di un quarto di miglio la divota Cappella, detta la

MADONNA DI LORETO.


XLV.


FAtta dalla caritatevole pietà de’ vicini abitanti l’anno 1620. sull’esatto modello della Santa Casa di Loreto, in un fondo donato per la di Lei erezione da uno de’ Nobili Antenati del dotto ed erudito Monsignor Antonio Ambiveri Conte, decorato della Dignità Vescovìle dal regnante Pontefice Pio Sesto. Contigua al mentovato Santuario è la Chiesa, fabbricata l’anno appresso per maggior comodo de’ divoti, di mediocre capacità, ed a volta con un solo Altare di soda Architettura, posto a stucchi dorati, con iscanalate Colonne, e Puttini di buona maniera; e ornato di una degna Tavola, rappresentante l’Annunziazione di Maria Vergine, coll’Eterno Padre, e lo Spirito Santo sopra in gloria di Cherubini, e nel piano due Angioletti, uno per banda, assai dilicati e finiti.

Siamo al bujo intorno all’Artefice di quella Pittura: la quale se per avventura non ti sembrerà memorabile, perchè difettosa di pellegrine invenzioni, e di un certo risentimento d’ombre, e di lumi; non potrà di certo non piacerti, se porrai mente alla proprietà delle espressioni, al buon disegno, e alla vaghezza e soavità delle tinte, colle quali è condotta. Veduto questo Quadro rientrere-