Pagina:Le poesie di Catullo.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Trad. da Mario Rapisardi 123


Così m’hai soppiantato, immiserito,
     Straziato il core, ed ogni ben rapito?

5Rapito? Oh de’ miei dì fiero veleno!
     Oh amistà, che sì m’appesti il seno!

E i puri baci di chi a me fu diva
     Scompiscerà la tua sozza saliva?

Ma non impune: i tempi che verranno
     10Tua fama infame e chi tu sei sapranno.

78

Gallo ha un fratel c’ha vaga moglie, e un altro
     C’ha un bel figliuolo. Ei che non è sì scaltro

Come galante, i dolci amori appaga,
     E accoppia al bel garzon la sposa vaga.

5Stolto! E insegna al nipote, ei c’ha consorte,
    Come allo zio si fan le fusa torte!

79

Come non dir che Lesbio è un bel garzone,
Se Lesbia a lui Catullo e i suoi pospone?