Pagina:Le poesie di Catullo.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

trad. da Mario Rapisardi 27


5Con una coppia tal di parenti,
     Che ponno i ciottoli tritar coi denti,

Te ne stai proprio arcibenone
     Senza pericolo d’indigestione.

Voraci incendj, gravi ruine,
     10Veleni, insidie, empie rapine,

I casi, i rischj del mondo tutto
     Son per voi favole senza costrutto.

Sollion, borea, sete, appetito
     V’han così i muscoli rimprosciuttito,

15Che secchi ed aridi più d’esca o corno,
     Viventi mummie movete intorno.

Puoi tu non essere felice? Ignori
     Che cosa sieno sputi e sudori;

Non t’ha mai frigido catarro invaso
     20Di denso moccolo, cervello e naso;

E la tua massima nettezza è avere
     Qual saliera aurea terso il messere;

Giacch’è miracolo davver se mai
     Nell’anno un dodici volte la fai,