Pagina:Le poesie di Catullo.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

1




A chi mai dedico questo libretto
     Di cianciafruscole giocondo e schietto,

Che uscendo in pubblico, ben ben polito
     Dall’arsa pomice mostra il vestito?

5A te, Cornelio, ch’uso dir sei,
     C’han qualche grazia gli scherzi miei;

E che fra gl’itali scrittori osasti
     Di tutti i secoli spiegare i fasti

Con ardir unico, solo in tre carte:
     10E che giudizio, per dio, che arte!

Qual ch’esso siasi dunque tu accetta
     Questo libercolo che a te si spetta,