Pagina:Le poesie religiose.djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
90 POESIE RELIGIOSE


Ma nel vulgo errabondo, a cui di mali
     Falange iniqua il buon sentier contende,
     Pigra, qual raggio in tenebre invernali,
                    16Verità scende:

Chè dove, incerto ognor de la dimane,
     Bisogno acre assaetta i cori, e lenta
     Fame, cui, più del vero, uopo è di pane,
                    20L’anime addenta,

E dove atroce sopra il collo incombe
     Tirannia che d’uman sangue s’impolpa,
     E, scelerando le fraterne tombe,
                    24Regna la colpa,

Chiara non già ne’ torbidi intelletti
     Suona, o rigido Ver, la tua parola,
     Non il tuo cibo leonino i petti
                    28Egri consola.

A loro idoli inani ed aurea plebe
     Di sogni, onde s’ingemmano le amate
     Ombre, e su fuor dalle percosse glebe
                    32Speranze alate

Giovano; a loro odj segreti e aprici
     Tumulti e amor ch’ai dolci inganni alletta,
     E tu, nume d’ignari e d’infelici,
                    36Sacra vendetta.