Pagina:Le poesie religiose.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

EX UMBRA IN SOLEM 91


Pur fra l’ombre affannose, ove le incerte
     Stirpi con legge indeprecata incalza
     Nèmesi, come face in su deserte
                    40Macerie, s’alza

La Conscienza; e quanto più il conflitto
     Si propaga degli anni, essa più splende,
     Cresce all’aure nemiche, e al ciel con dritto
                    44Vertice tende.

Salve, o del tempo e della pena figlia,
     Faticosa possanza, intimo sole
     Che per l’onde e la notte, in cui periglia
                    48La mortal prole,

Fughi gli errori serpentosi e l’adre
     Furie veglianti alle cercate rive,
     Per te, di generose opere madre.
                    52Carità vive;

Per te il diritto e la giustizia, tua
     Gemina stirpe, in fra’ mortali han voce;
     L’acre umano pensier, poi che s’intua,
                    56Gitta la croce,

E per la gloriosa erta alle cime
     Dell’Ideal, che in te s’accende e spira,
     Ansando assorge, e alle ragioni prime
                    60Giungere aspira.