Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/451

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

adjecta 419

II.


     Sognavo che il sol trionfante
salia nell’azzurro profondo.
La terra schiudeva all’amante
4le valve del grembo fecondo,

     ne’ boschi olezzavan le piante
fiorite all’aprile giocondo;
un fiotto d’amor spumeggiante
8bollìa nell’arterie del mondo.

     In cielo canta van gli uccelli,
un’aura di nozze saliva
11aulente dai bocci novelli

     e in faccia alla festa giuliva
de’ sogni più cari e più belli,
14la speme nel cor mi moriva.