Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/470

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
438 adjecta.


Va, poichè la canzon delle Sirene
più sul tuo mar natio non alza il volo,
poichè Roma ed Atene
20sognan le freddolose arti del polo;

e non tornar mai più. Su questi liti
inaridì spregiato il fior dei canti,
gli Dei sono fuggiti,
24veleggiano il tuo mar solo i mercanti.