Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/484

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
452 adjecta.


     Ahi, quell’addio che dar tu mi dovevi
io lo dissi alla tua memoria cara,
          ma tu non l’intendevi,
44povero fascio d’ossa entro la bara,

     povero fascio d’ossa tribolate
che recammo ier notte alla Certosa,
          per le vie desolate,
48sotto la pioggia fitta e freddolosa!