Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/505

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

adjecta. 473

ADRIATICO


     Il mar lambendo instancabile, lento,
la sabbia fina dell’umida sponda,
con ritmo uguale mandava un lamento,
4quasi un singhiozzo, alla notte profonda.

     Occhi benigni, le stelle d’argento
guardavan fisse la terra feconda.
Amor vagava nel ciel sonnolento
8ed io sperai la fortuna seconda.

     Il cor t’apersi con timido accento,
sfiorai col labbro la chioma tua bionda
11ed al trionfo credetti un momento....

     Addio, fantasmi d’un’ora gioconda,
sogni d’amore dispersi dal vento,
14care speranze cadute nell’onda!