Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/507

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

adjecta. 475

MUSICA


     L’ultime note languenti, velate,
muoiono come sospiri sonori
in un tripudio di mazzi di fiori
4in un profumo di donne scollate,

     e il sangue tende le arterie gonfiate,
passan su gli occhi fugaci bagliori;
tutta la vita prorompe di fuori
8sotto l’impulso di forze ignorate.

     Allor le forme ci sembran mutate
e ridipinte di strani colori,
11quasi fantasmi di cose sognate.

     Poi tutto passa; ma resta nei cuori
come un rimpianto di gioie passate,
14come un presagio di nuovi dolori.