Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/528

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
496 adjecta.

STUDENTESSE

I.


     Eccole curve, povere figliole,
sulle pagine gravi e faticose
a contender coi testi e con le chiose,
a far l’anatomia delle parole.

     Eccole curve nelle chiuse scuole
a domar pertinaci e coraggiose
nel silenzio di lunghe ore penose
l’anima che rifiuta, il cor che duole.

     Ed eccole intristir, stanche, nervose,
sui saggi enigmi e sulle dotte fole
dei versi antichi e delle antiche prose!

     Questa matrigna civiltà, che suole
chiamarsi buona ed è crudel, le pose
a combatter così, deboli e sole!