Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/56

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24 postvma.

VII.


          E pur mi sento nel cervello anch’io
Qualche cosa che vive e che lavora,
E pur quest’aura che il mio volto sfiora
L’alito par dell’agitante Iddio!

          Talor, cedendo a’ sogni miei, m’avvio
Per floridi sentier che il mondo ignora;
Salgono i canti alle mie labbra allora
E spero e credo dell’ingegno mio.

          Ma quando il dubbio mi risveglia, quando
Via per la nebbia del mattin tranquille
Sfuman le larve che seguii sognando,

     Colle man mi fo velo alle pupille
E mi guardo nel core e mi domando:
Sono un poeta o sono un imbecille?