Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/584

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
552 adjecta.

III.

DA CAPO

Consurgite et ascendamus in meridie.

Jerem. VI, 4.


     Se nella mesta sera,
cinto di luce strana,
lo scoglio di Caprera
all’occidente levasi
5superbo sulla nera onda lontana,

     il marinar che passa
sull’agile naviglio
tien la bandiera bassa
e tra le palme ruvide
10il duro capo abbassa e china il ciglio.

     Là, nella calma enorme
della morente luce,
sotto il granito informe,
presso le acacie memori
15l’ultimo sonno dorme il nostro duce.