Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/608

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
576 adjecta.


     Chi, fumando in poltrona, empie i giornali
di vendette, di stragi e di rovine,
da la ciambella moderando l’ali
          20dell’aquile latine?

     Chi dei debiti nuovi alla conquista
le apostrofi all’onor guida in falange
e soggioga lo Scioa dal liquorista,
          24insultando chi piange?

     Ah, siete voi? Salute o ben pensanti,
in cui l’onor s’imbotta e si travasa;
Ma dite un po’, perchè gridate «avanti!»
          28e poi restate a casa?

     Perchè, lungi dai colpi e dai conflitti,
comodamente d’ingrassar soffrite,
baritonando ai poveri coscritti
          32«armiamioci e partite»?

     Partite voi, se genoroso il core
sotto al pingue torace il ciel vi diede.
O Baiardi, è laggiù dove si muore
          36che il coraggio si vede,

     non qui, tra le balorde zitellone,
madri spartane di robuste prose,
che chieggon morti per compor corone
          40d’alloro, ahi, non di rose!