Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

postvma. 37

XVII.

EBBRO



     Noi d’Epicuro i sacerdoti siamo,
Noi la face d’amor lieta rischiara,
Noi l’opulenta mensa abbiam per ara
E i cantici di Bacco al ciel leviamo.

     Frine con noi sacerdotessa abbiamo
Che i misteri del Dio calda e’ impara,
E di Pafo alla Dea libera e cara
I canti, i baci, i sacrifizi diamo.

     Noi non abbiam per rito altro che il riso
E non sognamo il travaglioso acquisto
D’una noia infinita in Paradiso;

     Ma l’uggia debelliam del secol tristo
In un femineo sen celando il viso.
Bevendo in fresco e bestemmiando Cristo.