Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
42 postvma.

XXI.

CAFFÈ CONCERTO


     Non più lo scherno di Prometeo suona
Superbo in faccia al Dio che lo percuote;
Non più sfregia i codardi in sulle gote
Il verso che flagella e non perdona:

     Non più, terror di regi, Eschilo tuona
Dalla libera scena e il ferro scuote:
Dormono l’ossa del tragedo ignote
Lungi dal verde pian di Maratona,

     Ma Taide mima, a saziar la fame,
Tenta le reni de’ moderni ciacchi
Levando il piede nella danza infame;

     Ma noi giacciamo nauseati e stracchi
Senza un affetto in cor, sul reo letame
Di questa sozza età. Noi siam vigliacchi.