Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

postvma. 49

XXV.


     Q,,uando scesi di botte al Vaticano
Lo Svizzero di guardia raffreddato
Sternutiva in modo così strano
Che dissi — piove / — e mi tirai da un lato.

     Egli intese e muggì — Mein herr taliano,
Da che paese star ti capitato? ’
Io pronto replicai: Son di Milano;
E lei, di grazia, in che cantone è nato?

     Lo Svizzero levò le man pelose.
M’afferrò, mi battè contro al portone,
Ed arrotando i denti mi rispose:

     Ti, puzzurre, star nato in un cantone,
Ma mia città star crande e star craziose;
Ssò Ffrascatano, ssò, prute pufone /