Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
58 postvma.

XXXIV.


     Questa notte in battello, in alto mare,
Del mondo ci eravam dimenticati:
Ci dicevamo le parole care
Che san soltanto dir gl’innamorati

     E sentivam la voluttà cullare
I lieti sogni, i sogni nostri usati,
Ed alle labbra su dal cor montare
Quei discorsi d’amor che son peccati.

     Quand’ella tacque da un pensier colpita
E dall’omero mio la testa bionda
Improvvisa levò come atterrita,

     E colla faccia stranamente fissa,
Nella notturna tenebra profonda.
Taci — mi susurrò — Laggiù e’ è Lissa!

Rimini, Luglio 1869.