Pagina:Le selve ardenti.djvu/210

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
206 EMILIO SALGARI

— Che avremo, volete dire.

— Sia pure.

— Cinque minuti — disse in quel momento Giorgio, il quale osservava fino dalla partenza dell’inglese un orologio vecchio ma che andava ancora bene. — Signor Devandel, potete partire e dare la caccia al vostro avversario. —

Il capitano era già a cavallo ed aveva esaminate le sue armi.

— Addio, amici, — disse con un sorriso. — Quando udrete sparare venite a vedere se è morto l’americano o l’inglese.

— Signor Devandel, siate prudente, — gli raccomandò l’indian-agent.

— Sai che non sono un ragazzo.

— Buona fortuna! — gridarono gli avventurieri.

Il capitano diede al mustano due calci, fece agli amici un ultimo saluto e si slanciò in mezzo alla foresta, tenendo in mano il rifle già carico.

Percorsi quattro o cinquecento metri, si arrestò bruscamente sull’orlo d’una immensa e fittissima macchia di betulle e si mise in ascolto.

— Nulla — disse dopo alcuni istanti. — Dove sarà nascosto quel pazzo?

Non vuole mostrarsi? Ebbene andiamo a scovarlo e diamogli una buona lezione. —

Allentò le briglie e spinse il mustano al piccolo trotto, facendogli fare innumerevoli giri.

L’inglese evidentemente doveva essersi fermato in mezzo a qualche macchia ed aspettava l’avversario per scaricargli addosso di sorpresa la carabina prima e la rivoltella poi.

Il capitano percorse un paio di miglia, ora avanzando ed ora ritornando, facendo soprattutto attenzione agli uccelli che volavano in buon numero fra ramo e ramo, senza manifestare troppa inquietudine.

— Che non riesca a scovarlo? — si chiese non senza una certa ansietà, poichè d’un istante all’altro poteva prendersi in pieno petto o nel dorso una palla di buon calibro che difficilmente lo avrebbe risparmiato.

Si era novamente arrestato per ascoltare. Nell’immensa foresta non si udivano che i volatili, mezzo rattrappiti dal freddo, pigolare e cantare di mala voglia.

Di quando in quando uno squillo rauco echeggiava in aria, e un grosso cigno passava, volando pesantemente, in cerca di qualche laghetto non ancora gelato o di qualche riviera.

— Ancora nulla! — borbottò il capitano. — Se provassi a sparare un colpo? —