Pagina:Leonardo prosatore.djvu/195

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

191


Come si dee fare una figura irata.

Alla figura irata farai tenere uno per li capegli, e’ il capo storto a terra, e con uno de’ ginocchi sul costato, e col braccio destro levare il pugno in alto: questo abbi li capegli elevati1 le ciglia basse e strette, i denti stretti, e i due stremi d’accanto della bocca arcati, il collo grosso, e dinanzi, per lo chinarsi al nimico, sia pieno di grinze.

Come si figura uno disperato.

Al disperato farai darsi d’un coltello, e colle mani aversi stracciato i vestimenti, e sie una d’esse mani in opera a stracciarsi la ferita; e farailo co’ piè distanti e le gambe alquanto piegate e la persona similmente inverso terra, con capegli stracciati

e sparsi.

  1. Ritti.