Pagina:Leonardo prosatore.djvu/194

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
190


moto dell’irato, del dolore, de la paura, del spavento subito, del pianto, della fuga, del desiderio, del comandare, della pigrizia, e della sollecitudine e simili1.

Del ridere e piangere.

Non farai il viso de chi piange con equali movimenti di quel che ride, perchè spesso si somigliano, e perchè il vero modo si è di variare, sì com’è variato l’accidente del pianto da l’accidente del riso, imperochè per piangere le ciglia e la bocca si varian nelle cause del pianto, perchè alcuno piange con ira, alcuno con paura, e alcuni per tenerezza e allegrezza, alcuni per sospetto, e alcuni per doglia e tormento, e alcuni per pietà e dolore delli parenti o amici persi, de li quai pianti alcuno si dimostra disperato, alcuno mediocre, alcuni solo lacrimosi, e alcuni gridano, alcuni col viso verso al cielo e co’ le mani in basso, avendo le dita di quelle insieme tessute; altri timorosi, co’ le spalle innalzate agli orecchi; e così seggono secondo le predette cause. Quel che versa ’l pianto alza le ciglia nelle loro gionture e le stringe insieme, e compone grinze disopra e in mezzo2; li canti della bocca in basso3; e colui che ride gli ha alti, e le ciglia aperte e spaziose.

  1. I moti dell’animo — diceva L. B. Alberti — si conoscono mediante i moti del corpo. (Tratt. d. Pitt. e d. Statua, cit. p. 64).
  2. Sottintende: delle sopracciglia = le ciglia.
  3. Sottintende: ha.