Pagina:Leonardo prosatore.djvu/211

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


IL MODO DI VESTIRE LE FIGURE




De li panni che vestono le figure e pieghe loro1

Li panni che vestano le figure debbono avere le loro pieghe accomodate a cingere le membra da loro vestite, ’n modo che nelle parte alluminate non si ponga pieghe d’ombre oscure, e nelle parte ombrose non si faccia pieghe di troppa chiarezza, e che li lineamenti d’esse pieghe vadino in qualche parte circondando le membra da loro coperte e non con lineamenti che taglino le membra, non con ombre che sfondino più dentro che non è la superfizie del corpo vestito. E in effetto il panno sia in modo adattato che non paia disabitato, cioè che non paia un gruppamento di panno spogliato da l’uomo, come si vede far a molti, li quali s’inna-

  1. L. B. Alberti tratta brevemente questo argomento: Tratt. d. Pitt., L. II, cap. XXIV.