Pagina:Leonardo prosatore.djvu/247

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

243


superfizie la rugiada che con lento moto discende dall’aria, e tali foglie sono in modo compartite sopra le loro piante che l’una occupa l’altra il men che sia possibile col rinterzarsi l’una sopra dell’altra, come si vede fare all’edera che copre li muri, e tal rinterzamento serve a due cose, cioè al lasciare li intervalli che l’aria e ’l sole possa penetrare in fra loro, la seconda ragione è che le gocce che caggiano della prima foglia possa’ cadere sopra la quarta e la sesta de li altri alberi.